Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su SISMABONUS, ANCHE PER LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

SISMABONUS, ANCHE PER LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Casa news 24 Maggio 2018

Si può usufruire del sismabonus anche per la demolizione e ricostruzione di un edificio con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

Lo afferma l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 34/E del 27.04.2018. Il sismabonus, spiega l’Agenzia, può essere fruito anche da coloro che, possedendo o detenendo l’immobile in base a un titolo idoneo, decidono di demolirlo e ricostruirlo con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

Tale intervento, infatti rientra tra quelli di ristrutturazione edilizia e non di nuova costruzione. In risposta all’interpello di tre comproprietari, inoltre, le Entrate chiariscono che questi soggetti possono dividere le spese in proporzione alla spesa sostenuta da ciascuno.

Demolizione con ricostruzione e Iva agevolata del 10%
La stessa Risoluzione 34/E spiega che ai lavori di demolizione con ricostruzione si applica l’aliquota Iva agevolata del 10% prevista per gli interventi di ristrutturazione edilizia, a condizione che le opere siano qualificate come tali dalla relativa documentazione amministrativa. Il Sismabonus prevede una detrazione delle spese sostenute per l’adozione di misure antisismiche che migliorino la classe di rischio degli immobili che si trovano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e a quelli situati nelle zone a minor rischio (zona sismica 3).

Tale agevolazione, valida fino al 31 dicembre 2021, può essere fruita sia dai soggetti passivi Irpef sia dai soggetti passivi Ires e per interventi realizzati su tutti gli immobili di tipo abitativo e su quelli utilizzati per attività produttive.

Per le abitazioni singole, la detrazione va calcolata su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare per ciascun anno e deve essere ripartita in 5 rate annuali. La detrazione parte dal 50% delle spese (nel caso in cui l’intervento non migliori la classe sismica) e sale quando la realizzazione degli interventi produce una riduzione del rischio sismico: gli interventi che determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore usufruiscono della detrazione del 70%, mentre gli interventi che permettono il passaggio a due classi di rischio inferiori godono della detrazione dell’80%. Quando gli interventi sono realizzati in edifici condominiali, le detrazioni sono: 75%, nel caso di passaggio a una classe di rischio inferiore; 85%, quando si passa a due classi di rischio inferiori.

In questo caso le detrazioni si applicano su un ammontare delle spese non superiore a 96.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio e vanno ripartite in 5 quote annuali di pari importo. Gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali situati nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati non solo alla riduzione del rischio sismico, maanche alla riqualificazione energetica, potranno detrarre fino all’85% delle spese sostenute in caso di passaggio a due classi di rischio inferiori. La detrazione sarà ripartita in 10 rate annuali e verrà calcolata su una spesa massima di 136mila euro moltiplicata per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio (si tratta della somma del tetto di 96mila euro per unità immobiliare previsto dal sismabonus “tradizionale” e di quello di 40mila euro per unità immobiliare fissato per l’ecobonus). Il miglioramento antisismico va calcolato sulla base delle Linee guida per la classificazione sismica degli edifici (DM 28 febbraio 2017) che spiegano come attribuire ad un edificio una delle 8 Classe di Rischio Sismico (da A+, la meno rischiosa, ad A, B, C, D, E, F e G, la più rischiosa),

 

655 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • BARBECUE IN CONDOMINIO: COSA BISOGNA SAPERE

    by on 9 Maggio 2019 - 0 Comments

    La presenza di barbecue su balconi in condominio è sovente oggetto di attriti tra condomini. La prima  regola non scritta è  quella del buon senso. Per i manufatti in cemento occorre rispettare le  distanze dal confine, l’art. 890 del codice civile, rubricato Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi, si occupa di disciplinare l’aspetto delle distanze dal confine […]

  • Il FUTURO DELLE CASE IN LEGNO

    by on 1 Marzo 2019 - 0 Comments

    Il futuro e il successo delle case  in legno si basa essenzialmente su due aspetti: riduzione dei consumi energetici e rispetto dell’ambiente. L’esaurimento dei combustibili fossili farà sì che vengano prese in considerazione nuove tecniche di costruzione anche in ambito edilizio. La casa in legno risponde  a queste caratteristiche e per questo la si può […]

  • CO-HOUSING: LA NUOVA FRONTIERA DELL’ ABITARE

    by on 27 Febbraio 2019 - 0 Comments

    Il co-housing  è il modo 2.0 di abitare, condividendo spazi comuni e privati. I co-houser creano comunità residenziali in cui vivere spartendosi compiti, servizi e soprattutto tempo, si può decidere di creare un orto comune nel cortile di un palazzo, realizzare una sala comune da adibire a micro-nido o palestra condominiale, istituire un servizio di […]

  • AGEVOLAZIONI PRIMA CASA E RIVENDITA FRAZIONATA

    by on 28 Marzo 2019 - 0 Comments

    LEGGE DI RIFERIMENTO ART. 76 D.P.R. 131/1986 ART. 76 Il caso Un Tizio acquistava un appartamento usufruendo delle agevolazioni prima casa. In seguito, il Tizio, frazionava detto appartamento (in 2 appartamentini). Dopo 1 anno dall’acquisto rivendeva uno dei due appartamentini (senza riacquistare altro immobile abitativo entro un anno). Dopo quattro anni, rivendeva anche il secondo […]

  • DELEGHE IN CONDOMINIO: SCOPRIAMO DI PIU'

    by on 25 Febbraio 2019 - 0 Comments

    Rilasciare una delega per partecipare all’assemblea condominiale è un buon modo per consentire all’organismo deliberativo di assumere le decisioni necessarie alla gestione delle parti comuni ed al contempo di partecipare alla vita deliberativa del condominio.