Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su SALUBRITA’ E BENESSERE ABITATIVO

SALUBRITA’ E BENESSERE ABITATIVO

Casa news 12 Luglio 2018

Uomo, ambiente confinato e salute sono stati considerati realtà interdipendenti nell’immaginario collettivo. In realtà già dagli anni ’70 medici e ricercatori hanno lavorato assiduamente per comprendere la relazione tra diverse sintomatologie degli individui e la loro presenza all’interno degli edifici. Nel 1977, la 30a Assemblea Mondiale della Sanità, ha decretato che una serie di disturbi e malattie (dalle semplici irritazioni e dermatiti alle affezioni di asma invalidate e neoplasie) del cittadino sono riconducibili agli ambienti confinati.

Con il boom edilizio infatti in molti edifici costruiti e ristrutturati nel dopo-guerra sono presenti materiali nocivi; l’uso inconsapevole di materiali insalubri e prodotti chimici, associati alla scarsa ventilazione per contenere il consumo energetico, la ridotta traspirabilità dei materiali messi in opera, esasperata ricerca della leggerezza, fanno sì che le costruzioni non siano un’oasi di benessere e comfort, ma spesso un contenitore dal quale dopo poche ore di permanenza il corpo ci chiede di uscire.

Quali aspetti andare quindi a curare nell’impostare la realizzazione o una ristrutturazione per ottenere un edificio salubre, confortevole e dal valore duraturo? In fase di progettazione iniziale cureremo il rapporto con il sito al fine di beneficiare degli apporti solari in inverno e della ventilazione naturale, l’efficienza energetica dell’involucro aumentando la capacità termica per migliorare passivamente il confort(meno ricorso ad impianti), il confort acustico, la protezione da fonti di inquinamento elettromagnetico e gas radon, fonti di inquinamento indoor da formaldeide e VOC, la scelta di fonti di illuminazione naturale e colori adeguati alla destinazione degli ambienti interni, umidità interna attorno al 50 %, materiali di isolamento e finitura traspirante.

Sembra un aspetto banale ma l’intonaco interno è molto importante nel determinare il microclima e può agire come un polmone o come una pelle, possiamo quindi scegliere per questo materiali naturali e salubri. Preferibili sono gli intonaci di calce e terra cruda o argilla. Gli intonaci di argilla(dalle ben note proprietà curative e terapeutiche) e terra cruda riescono a regolare l’umidità interna attorno ad un valore ottimale di circa il 50 %, contrastano l’accumulo di polvere ed allergeni, attenuano campi elettromagnetici ed il rumore, assorbono cattivi odori e sostanze nocive, impedita la formazione di muffe e condense, non richiede la classica rinfrescata ogni 5-7 anni delle pitture murali classiche perchè pigmentati con minerali naturali, mentre nelle zone a contatto con l’acqua opteremo invece per intonaci di calce. Con i giusti accorgimenti gli ambienti confinati possono diventare un’oasi di tranquillità, positività e benessere. A cura di: Ing. Marco Tinti – Ancona

No Tags

290 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • CATTIVI ODORI IN CONDOMINIO: COSA FARE?

    by on 28 Novembre 2018 - 0 Comments

    Per essere considerata come molestia,  l’odore deve essere superiore alla normale tollerabilità, un giudizio, quest’ultimo, che spetta al giudice sulla base dell’entità dell’odore e della sua capacità di penetrazione nell’appartamento.

  • PULIZIE FAI-DA-TE IN CONDOMINIO? SOLO SE ALL'UNANIMITÀ

    by on 30 Gennaio 2019 - 0 Comments

    No al fai da te in condominio, l’assemblea non può decidere che le pulizie delle scale siano effettuate personalmente dai condomini sulla base di un criterio sui turni, a meno che tutti siano d’accordo. Una delibera  sarebbe infatti nulla, perché pretenderebbe di modificare a semplice maggioranza il criterio legale di riparto delle spese relative ai […]

  • BONUS CASA 2019 QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

    by on 12 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il testo del disegno di legge di Bilancio all’esame della Camera proroga ancora per un anno le condizioni più favorevoli per queste agevolazioni senza introdurre nessuna sostanziale novità. Viene riproposto per altri 12 mesi anche il bonus del 36% destinato agli interventi di manutenzione straordinaria sui giardini. Salvo sorprese dell’ultima ora, quindi, c’è ancora tempo […]

  • AUTO ABBANDONATA NEL PARCHEGGIO CONDOMINIALE: QUALI RIMEDI ?

    by on 26 Novembre 2018 - 0 Comments

    Se un auto rimane abbandonata per un intervallo di tempo considerevole,  nel parcheggio condominiale, sicuramente non si potrà semplicemente chiamare il carro attrezzi per rimuovere “il fastidio”.

  • SMALTIMENTO DI AMIANTO IN CONDOMINIO

    by on 14 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Lo smaltimento di amianto non rientra nella definizione di innovazione regolata dall’art. 1120 c.c.; definizione che, nell’assenza della legge, ha fornito la giurisprudenza. Secondo i giudici rientrano nell’ambito delle innovazioni delle parti comuni non tutte le modificazioni, ma solo quelle “le quali importino l’alterazione dell’entità sostanziale o il mutamento della sua originaria destinazione” (Cass. n. […]