Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su L’ETERNIT PUO’ INVALIDARE UN CONTRATTO DI VENDITA DI UN IMMOBILE?

L’ETERNIT PUO’ INVALIDARE UN CONTRATTO DI VENDITA DI UN IMMOBILE?

Casa news 6 Ottobre 2017

Viene stipulato tra Tizio (promittente venditore) e Caio (promissario acquirente) un preliminare di vendita avente ad oggetto un appartamento all’ultimo piano di un edificio. Qualche tempo dopo la sottoscrizione del contratto, il promissario acquirente scopre che la copertura dell’edificio era stata realizzata in eternit e così chiede la risoluzione del contratto ed il doppio della caparra versata per inadempimento del venditore in relazione al vizio occulto ed essenziale in relazione al materiale utilizzato per la copertura dell’edificio.

Le parti vanno in causa. In primo grado vince il promissario acquirente al quale viene riconosciuto il diritto di risolvere il contratto ed avere il doppio della caparra versata. In appello vince il promittente venditore e così si arriva alla Cassazione. Cosa deciderà il più alto grado della giustizia italiana? Questo è un argomento di estremo interesse generale. Basti considerare, quanto è diffusa la casistica di immobili datati che contemplano ancora nella loro costruzione materiali in eternit come nel caso di specie.

LA SENTENZA

Il caso viene trattato dalla Cassazione con sentenza n. 15742 del 23/6/2017 che ci porta a conoscenza di alcuni aspetti importanti e curiosi circa l’interpretazione della legge.

  1. I Giudici di secondo grado avevano fatto eseguire sull’immobile oggetto del preliminare di vendita, un accertamento da parte di un ente specializzato denominato “ARPA” a seguito dell’invocazione da parte del promissario acquirente dell’art. 360 c.p.c. nn. 3 e 5, (la nocività dell’amianto quale “nozione di fatto che rientra nella comune esperienza”) . Esperiti gli accertamenti, l’Ente preposto verificava l’assenza di attualità del pericolo (prescrivendo solo il monitoraggio della copertura in eternit), cosicchè i giudici legittimamente ritenevano che l’appartamento promesso in vendita era idoneo per fini abitativi e che la presenza di amianto non ne diminuisse il valore in misura tale da giustificare la risoluzione del contratto.

  2. Il promissario acquirente invocava nell’ambito della stessa causa la L. 27/3/1992 n. 257, posta a tutela dell’ambiente e della salute dando atto dell’inevitabilità del deterioramento dell’eternit e dei rischi conseguenti. I Giudici della Suprema Corte, comunque davano atto, che tale legge, (27/3/1992 n. 257) ha vietato per il futuro la commercializzazione e l’utilizzazione di materiali costruttivi in fibrocemento, ma “non ha imposto la rimozione generalizzata di tali materiali nelle costruzioni” già esistenti al momento della sua entrata in vigore “prevedendo rispetto a tali costruzioni solo l’obbligo dei proprietari degli immobili di comunicare agli organi sanitari locali la presenza di amianto fioccato o friabile negli edifici (art. 12) e consentendo la conservazione delle strutture preesistenti che impiegano tale materiale a condizione che esse si trovino in buono stato manutentivo.” (cfr Cass. Sez. 2 n. 8156 del 23/5/2012)

CONCLUSIONE

Conclude pertanto la Cassazione con queste testuali parole: “La presenza di copertura in eternit nell’edificio di cui fa parte l’immobile promesso in vendita si pone … in linea con la normativa vigente, considerato che tale materiale è stato utilizzato legittimamente ratione temporis e che l’accertamento eseguito in concreto dall’ARPA ha escluso pericoli attuali per la salute.” Pertanto, secondo i giudici, una casa costruita anteriormente all’entrata in vigore della legge 27/3/1992 n. 257 per la cui realizzazione sia stato utilizzato materiale in eternit può essere legittimamente venduta purchè lo stesso sia ritenuto in buono stato di conservazione.

Notaio Alfonso Rossi Porto Sant’Elpidio
0734-900000
arossi@notaiorossi.it

 

1790 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • BARBECUE IN CONDOMINIO: COSA BISOGNA SAPERE

    by on 9 Maggio 2019 - 0 Comments

    La presenza di barbecue su balconi in condominio è sovente oggetto di attriti tra condomini. La prima  regola non scritta è  quella del buon senso. Per i manufatti in cemento occorre rispettare le  distanze dal confine, l’art. 890 del codice civile, rubricato Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi, si occupa di disciplinare l’aspetto delle distanze dal confine […]

  • Il FUTURO DELLE CASE IN LEGNO

    by on 1 Marzo 2019 - 0 Comments

    Il futuro e il successo delle case  in legno si basa essenzialmente su due aspetti: riduzione dei consumi energetici e rispetto dell’ambiente. L’esaurimento dei combustibili fossili farà sì che vengano prese in considerazione nuove tecniche di costruzione anche in ambito edilizio. La casa in legno risponde  a queste caratteristiche e per questo la si può […]

  • CO-HOUSING: LA NUOVA FRONTIERA DELL’ ABITARE

    by on 27 Febbraio 2019 - 0 Comments

    Il co-housing  è il modo 2.0 di abitare, condividendo spazi comuni e privati. I co-houser creano comunità residenziali in cui vivere spartendosi compiti, servizi e soprattutto tempo, si può decidere di creare un orto comune nel cortile di un palazzo, realizzare una sala comune da adibire a micro-nido o palestra condominiale, istituire un servizio di […]

  • AGEVOLAZIONI PRIMA CASA E RIVENDITA FRAZIONATA

    by on 28 Marzo 2019 - 0 Comments

    LEGGE DI RIFERIMENTO ART. 76 D.P.R. 131/1986 ART. 76 Il caso Un Tizio acquistava un appartamento usufruendo delle agevolazioni prima casa. In seguito, il Tizio, frazionava detto appartamento (in 2 appartamentini). Dopo 1 anno dall’acquisto rivendeva uno dei due appartamentini (senza riacquistare altro immobile abitativo entro un anno). Dopo quattro anni, rivendeva anche il secondo […]

  • DELEGHE IN CONDOMINIO: SCOPRIAMO DI PIU'

    by on 25 Febbraio 2019 - 0 Comments

    Rilasciare una delega per partecipare all’assemblea condominiale è un buon modo per consentire all’organismo deliberativo di assumere le decisioni necessarie alla gestione delle parti comuni ed al contempo di partecipare alla vita deliberativa del condominio.