Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su COME TRASFORMARE LE ACQUE REFLUE IN ENERGIA ELETTRICA

COME TRASFORMARE LE ACQUE REFLUE IN ENERGIA ELETTRICA

Casa news 9 Agosto 2018

Dall’Italia arrivano dei progetti interessanti legati alla produzione di energia e all’economia circolare. Un team, che vanta come partner scientifico anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche e importanti finanziatori, ha ideato e realizzato un sistema che permette di trasformare un materiale di scarto come le acque reflue in energia elettrica.

La conseguenza dell’utilizzo dell’acqua per le varie attività dell’uomo è la produzione di scarichi che, prima di essere restituiti all’ambiente, devono essere sottoposti ad un trattamento depurativo. Questa depurazione genera i fanghi che risultano essere uno dei problemi più importanti per gli impianti di depurazione. I fanghi, infatti, vengono ad oggi recuperati in parte, con un trattamento, e diventano utili per il settore energetico (termovalorizzazione), per l’agricoltura (spandimento sul terreno) e per l’industria (compost, laterizi). La maggior parte, invece, deve essere smaltita attraverso l’incenerimento, senza recupero energetico, e il conferimento in discarica.

Purtroppo l’Italia, insieme a Malta, Romania, Bosnia e Herzegovina, è tra gli Stati europei che fa maggiormento utilizzo del conferimento in discarica, ma tra gli obiettivi a breve termine (2020) c’è quello di prevedere un decisivo ridimensionamento a favore di un incremento dello spandimento in agricoltura e della termovalorizzazione.

A migliorare la situazione ci potrebbe anche essere una nuova tecnologia brevettata che permette di ridurre il problema a monte, con una contrazione del quantitativo di fanghi prodotti, il tutto senza problemi o pericoli ambientali. Come? Trattando i fanghi civili e industriali e ridimensionando il loro volume di oltre il 70%.

I risultati
Questo vuol dire tagliare drasticamente i rifiuti organici di scarico con conseguenze molto positive: minor transito dei camion sulle strade, l’eliminazione degli odori molesti e di possibili sversamenti, infine la rimozione completa di patogeni e virus. C’è di più, perché nel caso in cui nell’impianto di depurazione ci fosse un sistema di digestione anaerobica, si può incrementare la produzione di biogas fino al 40%. D’altra parte il gas si forma spontaneamente dalla materia organica che fermenta.

I dati
Tre gli impianti attivi – Lecce,  Ponte a Tressa (in provincia di Siena) e Collegno (in provincia di Torino) ed ecco alcuni dati: a Siena ogni anno 300 camion portavano via questi rifiuti, ora ridotti a 90. In un bacino di circa 100mila abitanti, nel 2016 sono stati diminuiti i fanghi del 73%, passando dalle 4600 tonnellate di media a 1415. A Lecce la riduzione è del 70%, ed è stato ottenuto anche un incremento di produzione di metano superiore al 44%, dopo l’accordo sottoscritto con la società municipalizzata Acquedotto Pugliese (bacino di 195mila abitanti). Inoltre i minori viaggi di trasporto dei rifiuti ha generato un risparmio di 700mila euro, circa il 15-20%, a vantaggio dei cittadini e dell’ambiente. Infine Collegno che ha un innovativo sistema a celle a combustibile, che permette di produrre elettricità e calore utilizzando biogas. In pratica la struttura potrà generare 175 kW elettrici, pari a un terzo circa dell’energia elettrica necessaria al funzionamento dell’impianto e al 100% del calore (bacino di 180mila abitanti).

In conclusione, la nuova tecnologia può aiutare il nostro pianeta se applicata ad ampio raggio: le acque reflue che escono dalle nostre case o dalle fabbriche vengono trattate, permettendo di ridurre i fanghi del 70% e aumentare la produzione di biogas fino al 40% circa. Meno consumo di energia per il processo, più autoproduzione e minore quantità di rifiuti grazie al calo della produzione dei fanghi e al maggior recupero: gli indicatori di efficienza sembrano virtuosi.

434 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • VIA LA VERANDA SUL TERRAZZO SE ROVINA L'ASPETTO ARCHITETTONICO

    by on 30 Ottobre 2018 - 0 Comments

    Lo ha stabilito la sesta sezione civile della Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 22156, depositata il 12 settembre 2018, che torna ad affrontare il delicato tema delle sopraelevazioni e della tutela dell’aspetto architettonico.

  • CATTIVI ODORI IN CONDOMINIO: COSA FARE?

    by on 28 Novembre 2018 - 0 Comments

    Per essere considerata come molestia,  l’odore deve essere superiore alla normale tollerabilità, un giudizio, quest’ultimo, che spetta al giudice sulla base dell’entità dell’odore e della sua capacità di penetrazione nell’appartamento.

  • BONUS CASA 2019 QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

    by on 12 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il testo del disegno di legge di Bilancio all’esame della Camera proroga ancora per un anno le condizioni più favorevoli per queste agevolazioni senza introdurre nessuna sostanziale novità. Viene riproposto per altri 12 mesi anche il bonus del 36% destinato agli interventi di manutenzione straordinaria sui giardini. Salvo sorprese dell’ultima ora, quindi, c’è ancora tempo […]

  • MATTONI DI CANAPA IL FUTURO È ANCHE NELLA NEO-EDILIZIA

    by on 15 Novembre 2018 - 0 Comments

    Le tecniche costruttive fanno passi da gigante, i costi dell’architettura naturale sono ormai uguali a quelli dell’edilizia tradizionale e i vantaggi ambientali appaiono enormi, con consumi d’acqua ridotti del 90%.

  • LA RICOSTRUZIONE A DUE ANNI DAL SISMA - RIFLESSIONI ED IDEE PER UNA RIEDIFICAZIONE DI QUALITÀ

    by on 18 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il terzo Convegno, dopo quelli di Macerata e Camerino si è tenuto nel pomeriggio del 10 dicembre scorso a Visso presso la palestra della scuola media, sul tema: “La Ricostruzione a due anni dal sisma – Riflessioni ed idee per una riedificazione di qualità”, organizzato dal periodico freepress Case & Cose Più e dalla BERT […]