Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO

COME TRASFORMARE LE ACQUE REFLUE IN ENERGIA ELETTRICA

Casa news 9 agosto 2018

Dall’Italia arrivano dei progetti interessanti legati alla produzione di energia e all’economia circolare. Un team, che vanta come partner scientifico anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche e importanti finanziatori, ha ideato e realizzato un sistema che permette di trasformare un materiale di scarto come le acque reflue in energia elettrica.

La conseguenza dell’utilizzo dell’acqua per le varie attività dell’uomo è la produzione di scarichi che, prima di essere restituiti all’ambiente, devono essere sottoposti ad un trattamento depurativo. Questa depurazione genera i fanghi che risultano essere uno dei problemi più importanti per gli impianti di depurazione. I fanghi, infatti, vengono ad oggi recuperati in parte, con un trattamento, e diventano utili per il settore energetico (termovalorizzazione), per l’agricoltura (spandimento sul terreno) e per l’industria (compost, laterizi). La maggior parte, invece, deve essere smaltita attraverso l’incenerimento, senza recupero energetico, e il conferimento in discarica.

Purtroppo l’Italia, insieme a Malta, Romania, Bosnia e Herzegovina, è tra gli Stati europei che fa maggiormento utilizzo del conferimento in discarica, ma tra gli obiettivi a breve termine (2020) c’è quello di prevedere un decisivo ridimensionamento a favore di un incremento dello spandimento in agricoltura e della termovalorizzazione.

A migliorare la situazione ci potrebbe anche essere una nuova tecnologia brevettata che permette di ridurre il problema a monte, con una contrazione del quantitativo di fanghi prodotti, il tutto senza problemi o pericoli ambientali. Come? Trattando i fanghi civili e industriali e ridimensionando il loro volume di oltre il 70%.

I risultati
Questo vuol dire tagliare drasticamente i rifiuti organici di scarico con conseguenze molto positive: minor transito dei camion sulle strade, l’eliminazione degli odori molesti e di possibili sversamenti, infine la rimozione completa di patogeni e virus. C’è di più, perché nel caso in cui nell’impianto di depurazione ci fosse un sistema di digestione anaerobica, si può incrementare la produzione di biogas fino al 40%. D’altra parte il gas si forma spontaneamente dalla materia organica che fermenta.

I dati
Tre gli impianti attivi – Lecce,  Ponte a Tressa (in provincia di Siena) e Collegno (in provincia di Torino) ed ecco alcuni dati: a Siena ogni anno 300 camion portavano via questi rifiuti, ora ridotti a 90. In un bacino di circa 100mila abitanti, nel 2016 sono stati diminuiti i fanghi del 73%, passando dalle 4600 tonnellate di media a 1415. A Lecce la riduzione è del 70%, ed è stato ottenuto anche un incremento di produzione di metano superiore al 44%, dopo l’accordo sottoscritto con la società municipalizzata Acquedotto Pugliese (bacino di 195mila abitanti). Inoltre i minori viaggi di trasporto dei rifiuti ha generato un risparmio di 700mila euro, circa il 15-20%, a vantaggio dei cittadini e dell’ambiente. Infine Collegno che ha un innovativo sistema a celle a combustibile, che permette di produrre elettricità e calore utilizzando biogas. In pratica la struttura potrà generare 175 kW elettrici, pari a un terzo circa dell’energia elettrica necessaria al funzionamento dell’impianto e al 100% del calore (bacino di 180mila abitanti).

In conclusione, la nuova tecnologia può aiutare il nostro pianeta se applicata ad ampio raggio: le acque reflue che escono dalle nostre case o dalle fabbriche vengono trattate, permettendo di ridurre i fanghi del 70% e aumentare la produzione di biogas fino al 40% circa. Meno consumo di energia per il processo, più autoproduzione e minore quantità di rifiuti grazie al calo della produzione dei fanghi e al maggior recupero: gli indicatori di efficienza sembrano virtuosi.

315 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

  • BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

    by on 22 giugno 2018 - 0 Comments

    Installare delle zanzariere può essere conveniente, soprattutto se vi sono degli sgravi fiscali messi a disposizione dallo Stato Italiano. Grazie al bonus zanzariere 2018 è possibile usufruire di agevolazioni fiscali per chiunque decida di acquistare questi accorgimenti protettivi, a patto che queste abbiano dei requisiti particolari.

  • SISMABONUS, ANCHE PER LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

    by on 24 maggio 2018 - 0 Comments

    Si può usufruire del sismabonus anche per la demolizione e ricostruzione di un edificio con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

  • LA CASA DI PROPRIETA’: SOGNO O INCUBO?

    by on 22 maggio 2018 - 0 Comments

    Gli italiani hanno un sogno, quello di avere una casa di proprietà, tanto è vero che poco meno dell’80% di essi possiede una casa, una delle percentuali più alte di tutta Europa. Ma talvolta questo sogno, realizzato, si trasforma in incubo, sia per le “attenzioni” che su di essa ripone lo Stato, sia per le […]

  • POTATURA ALBERI IN CONDOMINIO, CHI PAGA?

    by on 31 maggio 2018 - 0 Comments

    In tema di spese condominiali nell’ambito di un contratto di locazione, è il conduttore (o affittuario – inquilino se preferite…) a dover pagare le spese per: • il servizio di pulizia; • il funzionamento e l’ordinaria manutenzione dell’ascensore • la fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell’aria; • lo spurgo dei pozzi […]

  • CANI CHE ABBAIANO IN CONDOMINIO. RESPONSABILE IL PROPRIETARIO

    by on 8 giugno 2018 - 0 Comments

    Integra il reato di disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone ex art. 659 c.p. quella condotta che abbia l’attitudine a ledere il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice; non occorre la prova dell’effettivo disturbo di più persone, né l’esperimento di specifiche indagini tecniche.