Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO

CASE IN PAGLIA PREGI E COSTRUZIONE

Casa news 14 Gennaio 2019

Progettare secondo una visione eco-sostenibile per tutelare il futuro dell’ambiente e quello dell’uomo, un tema di grande interesse che ha portato a sviluppare nuovi modi di costruire e nuove risorse da utilizzare.

La paglia è una di queste risorse: in Italia sono già 635 le case costruite con questo materiale ecologico e sicuro. Un materiale dalle alte prestazioni, a differenza degli edifici costruiti in mattone, le balle di paglia utilizzate in forma di blocchi compatti sono dotate di una grande resistenza agli eventi sismici, oltre che essere ignifuga, grazie alla bassa percentuale di ossigeno che contengono e vantano ottime proprietà di isolamento termico, assicurando comfort ambientale nelle diverse stagioni, contenimento dei consumi e risparmio energetico. L’abitazione in paglia è ad alta efficienza energetica, la struttura portante è realizzata in legno lamellare ed è perfettamente isolata grazie alle balle di paglia; per ridurre al massimo i tempi di lavoro in cantiere, l’intera struttura portante, dalle murature, ai solai al tetto, all’inserimento delle balle di paglia è stata prefabbricata in officina.

Il vantaggio ottenuto dall’impiego di materiali costruttivi come la paglia e la canapa è dato dal fatto che, trattandosi di componenti igroscopici, sono naturalmente in grado di assorbire gli eccessi di vapore ed umidità presenti nell’aria. Per questo motivo, la paglia  consente di ottenere dei livelli di comfort ambientale decisamente elevati rispetto ad una casa costruita tradizionalmente con intonaci interni premiscelati in cemento. Le abitazione realizzate sono  in classe energetica A4 e  hanno consumi  di circa 1,30 kWh/mq anno, con una spesa media stimata molto bassa, comprensiva dei costi relativi sia al riscaldamento degli ambienti che alla produzione di acqua calda sanitaria. La scelta progettuale del sistema di ventilazione meccanica controllata occorre per massimizzare ulteriormente i vantaggi offerti dall’impiego della paglia, infatti rispetto a una tradizionale pompa di calore garantisce un’efficiente sistema di riscaldamento e raffrescamento, controllando così l’umidità e la formazione di muffe, il sistema permette un ricambio continuo dell’aria senza che sia necessario aprire e chiudere le finestre, evitando dispersioni energetiche.

Oltre ad essere ecosostenibile e a basso impatto ambientale, la scelta di utilizzare le balle di paglia come materiale edile presenta notevoli vantaggi in termini di sicurezza, risparmio energetico e comfort abitativo: diversi test hanno infatti dimostrato come una casa in paglia sia molto meno sottoposta a danneggiamenti dovuti a terremoti rispetto ad una tradizionale abitazione in muratura e, contrariamente a quello che si può pensare, la paglia coperta di intonaco presenta un basso rischio di incendio. La paglia, inoltre, possiede delle notevoli proprietà fonoassorbenti e grazie alla sua capacità di isolamento consente di poter ridurre i consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento fino al 75% in un anno rispetto ad una casa tradizionale. Essendo un materiale traspirante, la paglia contribuisce al giusto ricambio d’aria tra interno ed esterno e, se abbinata ad intonaci naturali, scongiura la formazione di muffe negli ambienti della casa più sottoposti all’azione dell’umidità, come bagno e cucina.  Una scelta ecologica dunque, ma anche economica: l’utilizzo di un materiale a basso costo come la paglia consente infatti di risparmiare molto sulla spesa totale e grazie alla semplicità della tecnica costruttiva e la riduzione dei tempi di cantiere si possono abbassare molto i costi della manodopera, che diventano ancora più esigui se viene deciso di percorrere la strada dell’autocostruzione.  Negli ultimi tempi, infatti, stanno prendendo sempre più piede corsi e campi di lavoro che insegnano come costruirsi una casa da soli utilizzando balle di paglia inserite in una struttura portante in legno e successivamente ricoperte di intonaco

Una volta realizzato e approvato il progetto, si può decidere di iniziare i lavori operando in tre modi:

  1. si dà incarico ad un’impresa, disponibile a lavorare con la paglia, e un esperto insegna e supervisiona i lavori;
  2. l’azienda organizza e segue il lavoro di un gruppo di volontariinteressati a costruire con la paglia che realizzeranno così la nostra casa;
  3. vengono organizzati corsi teorici/pratici in cantiere dove un esperto insegna ai partecipanti a costruire con la paglia, contribuendo alla realizzazione della casa.

Questa terza opzione richiede tempi di lavorazione più lunghi ma è sicuramente quella più economica. Le tempistiche necessarie per realizzare una casa in paglia dipendono molto dalla complessità del progetto, dalle persone impiegate nella costruzione, dalla disponibilità di attrezzature e materiali. Con una corretta progettazione l’edificio può essere portato allo stato grezzo in poco tempo. Il posizionamento delle balle di paglia è la fase più veloce, in pochissimi giorni le pareti prendono forma e la struttura della casa è già terminata. Il lavoro più lungo è invece quello che si impiega per l’intonacatura, l’installazione di porte e finestre, i pavimenti, gli impianti.

Per quanto riguarda i costi, invece, bisogna tener presente che ci sono alcune spese da cui non si può prescindere: il progetto, le indagini geologiche, le certificazioni, le fondazioni, il tetto, gli impianti, i serramenti, i materiali e le attrezzature, tuttavia una casa in paglia ha il vantaggio di essere costruita con un materiale economico, che consente già in partenza di risparmiare rispetto ad una tradizionale casa in muratura. Una balla di paglia può costare da 1,5 a 3,5 euro e considerando che mediamente, per una casa di 150 mq ne occorrono circa 400, la spesa totale può variare dai 1000 ai 1400 euro. Se il progetto è stato ben fatto una casa in paglia può costare intorno ai 900 euro/mq: prezzo che può essere ridotto optando per l’autocostruzione.

39 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

  • VIA LA VERANDA SUL TERRAZZO SE ROVINA L'ASPETTO ARCHITETTONICO

    by on 30 Ottobre 2018 - 0 Comments

    Lo ha stabilito la sesta sezione civile della Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 22156, depositata il 12 settembre 2018, che torna ad affrontare il delicato tema delle sopraelevazioni e della tutela dell’aspetto architettonico.

  • CATTIVI ODORI IN CONDOMINIO: COSA FARE?

    by on 28 Novembre 2018 - 0 Comments

    Per essere considerata come molestia,  l’odore deve essere superiore alla normale tollerabilità, un giudizio, quest’ultimo, che spetta al giudice sulla base dell’entità dell’odore e della sua capacità di penetrazione nell’appartamento.

  • BONUS CASA 2019 QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

    by on 12 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il testo del disegno di legge di Bilancio all’esame della Camera proroga ancora per un anno le condizioni più favorevoli per queste agevolazioni senza introdurre nessuna sostanziale novità. Viene riproposto per altri 12 mesi anche il bonus del 36% destinato agli interventi di manutenzione straordinaria sui giardini. Salvo sorprese dell’ultima ora, quindi, c’è ancora tempo […]

  • MATTONI DI CANAPA IL FUTURO È ANCHE NELLA NEO-EDILIZIA

    by on 15 Novembre 2018 - 0 Comments

    Le tecniche costruttive fanno passi da gigante, i costi dell’architettura naturale sono ormai uguali a quelli dell’edilizia tradizionale e i vantaggi ambientali appaiono enormi, con consumi d’acqua ridotti del 90%.

  • LA RICOSTRUZIONE A DUE ANNI DAL SISMA - RIFLESSIONI ED IDEE PER UNA RIEDIFICAZIONE DI QUALITÀ

    by on 18 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il terzo Convegno, dopo quelli di Macerata e Camerino si è tenuto nel pomeriggio del 10 dicembre scorso a Visso presso la palestra della scuola media, sul tema: “La Ricostruzione a due anni dal sisma – Riflessioni ed idee per una riedificazione di qualità”, organizzato dal periodico freepress Case & Cose Più e dalla BERT […]