Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su CASE IN LEGNO E LA SCELTA DEL TERRENO

CASE IN LEGNO E LA SCELTA DEL TERRENO

Casa news 20 agosto 2018

In alcuni casi ci pensa il costruttore scelto, ma sono in pochi a farlo. Nella maggior parte dei casi invece spetta all’acquirente individuare il terreno adatto alla propria futura casa in legno. Il vantaggio nella scelta del terreno è di poterlo cercare dove e come più ci piace, ma ci sono delle cose a cui bisogna prestare molta attenzione; in particolare il terreno deve essere:

  • edificabile
  • dotato di Licenza Singola
  • libero da vincoli fisici, ambientali e legali

Per verificare che tutte queste caratteristiche siano presenti contemporaneamente per lo stesso terreno, bisogna recarsi all’Ufficio tecnico del Comune di appartenenza del terreno, richiedendo il certificato di destinazione urbanistica relativo a quel lotto.

Tale documento traccia gli indici di edificabilità del terreno, la volumetria realizzabile con le altezze minime dei soffitti e quelle massime dell’edificio e presenta i vincoli imposti dal Piano Regolatore.

Leggi da rispettare nella costruzione
L’articolo 873 del Codice Civile impone il rispetto delle distanze minime nella costruzione di edifici vicini, per non privarli di aria e illuminazione e per garantire igiene, sicurezza e privacy. Nel certificato di destinazione urbanistica devono essere incluse tutte le distanze da rispettare nel progetto della casa, che possono variare da comune a comune; tra abitazioni attigue la distanza è circa di 10-12 metri, quella tra la casa in costruzione e il confine di proprietà del lotto è di circa 5-8 metri.

Verifiche da effettuare sul terreno
Prima dell’acquisto del terreno bisogna far effettuare un’analisi geologica dello stesso per far valutare:

  • pendenza
  • presenza di corsi d’acqua
  • eventuale rischio di smottamento
  • urbanizzazione, cioè che acqua, luce e gas arrivino al confine del lotto, per potercisi allacciare

460 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • LE CASE DI PAGLIA: IL FUTURO VIENE DAL PASSATO?

    by on 24 agosto 2018 - 0 Comments

    Le case di paglia sono costruzioni di bioedilizia dal basso impatto ambientale in grado di soddisfare esigenze abitative di vario tipo. Si tratta, dunque, di vere e proprie case ecologiche, che consentono un alto risparmio energetico e standard qualitativi elevati.

  • CASE IN ACCIAIO: CASE ANTISISMICHE SICURE

    by on 22 agosto 2018 - 0 Comments

    Prevenzione e adeguamento. Diventa  necessario realizzare strutture in grado di rispondere in modo adeguato agli eventi sismici. Le soluzioni e i materiali utilizzabili sono sicuramente vari, ma si sta facendo strada, trovando conferma, l’idea che l’acciaio strutturale rappresenti una delle alternative più sicure. La sua resistenza sismica è senza dubbio superiore a quella garantita da altri […]

  • CASE IN LEGNO E LA SCELTA DEL TERRENO

    by on 20 agosto 2018 - 0 Comments

    In alcuni casi ci pensa il costruttore scelto, ma sono in pochi a farlo. Nella maggior parte dei casi invece spetta all’acquirente individuare il terreno adatto alla propria futura casa in legno. Il vantaggio nella scelta del terreno è di poterlo cercare dove e come più ci piace, ma ci sono delle cose a cui bisogna […]

  • CASE MODULARI 4.0, STAMPATE IN 3D

    by on 3 settembre 2018 - 0 Comments

    Fisse o mobili, energeticamente sostenibili ed ecologiche; le soluzioni nate per risolvere l’emergenza abitativa sono economiche, ma confortevoli. Modulari, flessibili, pieghevoli, antisismiche, sostenibili, ecologiche ed economiche. Sono le caratteristiche ricorrenti di una nuova generazione di ‘case prefabbricate’ che costituiscono una valida alternativa agli edifici tradizionali.

  • I NUOVI CONDOMINI DEVONO RISPETTARE LE VECCHIE DELIBERE

    by on 5 settembre 2018 - 0 Comments

    In tema di osservanza del contenuto delle delibere assembleari che sono obbligatorie per tutti i condomini ai sensi dell’art. 1137 c.c., il rispetto è dovuto anche da chi ha acquistato successivamente alla loro adozione. In sintesi, il nuovo condomino deve rispettare la vecchia delibera.