Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su CANI CHE ABBAIANO IN CONDOMINIO. RESPONSABILE IL PROPRIETARIO

CANI CHE ABBAIANO IN CONDOMINIO. RESPONSABILE IL PROPRIETARIO

Casa news 8 Giugno 2018

Integra il reato di disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone ex art. 659 c.p. quella condotta che abbia l’attitudine a ledere il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice; non occorre la prova dell’effettivo disturbo di più persone, né l’esperimento di specifiche indagini tecniche.

In altri termini, basta la prova della percettibilità delle emissioni stesse da parte di un numero illimitato di persone, a prescindere dal fatto che in concreto tali persone siano state effettivamente disturbate.

L’attitudine dei rumori a disturbare il riposo o le occupazioni delle persone non va necessariamente accertata mediante perizia o consulenza tecnica, di tal che il Giudice ben può fondare il proprio convincimento su elementi probatori di diversa natura, quali le dichiarazioni di coloro che sono in grado di riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti, che risulti oggettivamente superata la soglia della normale tollerabilità.

Il ricorso alle prove documentali (quali le registrazioni audio o video, effettuate durante l’immissione, oppure le rilevazioni fonometriche dirette eseguite da un tecnico di fiducia dell’attore) renderebbe di certo la deposizione testimoniale più circostanziata e credibile; tuttavia, si esclude che gli elementi di prova debbano essere necessariamente acquisiti mediante l’esperimento di una consulenza tecnica.

Si segnala infine che l’accettabilità delle immissioni sonore va valutata con parametri riferibili alla sensibilità media delle persone che vivono nel luogo in cui i rumori fastidiosi vengono percepiti.

  

432 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • VIA LA VERANDA SUL TERRAZZO SE ROVINA L'ASPETTO ARCHITETTONICO

    by on 30 Ottobre 2018 - 0 Comments

    Lo ha stabilito la sesta sezione civile della Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 22156, depositata il 12 settembre 2018, che torna ad affrontare il delicato tema delle sopraelevazioni e della tutela dell’aspetto architettonico.

  • CATTIVI ODORI IN CONDOMINIO: COSA FARE?

    by on 28 Novembre 2018 - 0 Comments

    Per essere considerata come molestia,  l’odore deve essere superiore alla normale tollerabilità, un giudizio, quest’ultimo, che spetta al giudice sulla base dell’entità dell’odore e della sua capacità di penetrazione nell’appartamento.

  • BONUS CASA 2019 QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

    by on 12 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il testo del disegno di legge di Bilancio all’esame della Camera proroga ancora per un anno le condizioni più favorevoli per queste agevolazioni senza introdurre nessuna sostanziale novità. Viene riproposto per altri 12 mesi anche il bonus del 36% destinato agli interventi di manutenzione straordinaria sui giardini. Salvo sorprese dell’ultima ora, quindi, c’è ancora tempo […]

  • MATTONI DI CANAPA IL FUTURO È ANCHE NELLA NEO-EDILIZIA

    by on 15 Novembre 2018 - 0 Comments

    Le tecniche costruttive fanno passi da gigante, i costi dell’architettura naturale sono ormai uguali a quelli dell’edilizia tradizionale e i vantaggi ambientali appaiono enormi, con consumi d’acqua ridotti del 90%.

  • LA RICOSTRUZIONE A DUE ANNI DAL SISMA - RIFLESSIONI ED IDEE PER UNA RIEDIFICAZIONE DI QUALITÀ

    by on 18 Dicembre 2018 - 0 Comments

    Il terzo Convegno, dopo quelli di Macerata e Camerino si è tenuto nel pomeriggio del 10 dicembre scorso a Visso presso la palestra della scuola media, sul tema: “La Ricostruzione a due anni dal sisma – Riflessioni ed idee per una riedificazione di qualità”, organizzato dal periodico freepress Case & Cose Più e dalla BERT […]