Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

Casa news 22 giugno 2018

Installare delle zanzariere può essere conveniente, soprattutto se vi sono degli sgravi fiscali messi a disposizione dallo Stato Italiano. Grazie al bonus zanzariere 2018 è possibile usufruire di agevolazioni fiscali per chiunque decida di acquistare questi accorgimenti protettivi, a patto che queste abbiano dei requisiti particolari.

Le nuove regole per accedere al bonus zanzariere
Dopo aver chiarito la soglia relativa alle detrazioni (50%) vediamo quali sono le nuove regole per usufruire del bonus zanzariere e quali sono i requisiti minimi. La zanzariera dovrà avere necessariamente la marcatura Ce e il valore Got certificato.

Per valore Got intendiamo il paramento relativo al fattore solare. Per usufruire delle agevolazioni previste, il valore non dovrà essere superiore a 0,35. Il Got è un valore che si determina in relazione al materiale o in questo caso al tessuto utilizzato per realizzare la zanzariera. Grazie a questo elemento è possibile determinare quale sarà il potere filtrante e quindi, quanto potrà schermare la rete. È importante rispettare questo requisito minimo per poter godere anche di una protezione relativa alle radiazioni solari. Per questo, la detrazione del costo di installazione è dipendente dal requisito got.

Come funziona la detrazione delle spese sostenute per l’installazione di zanzariere
Premesso che vi siano le caratteristiche previste dalla legge per poter avere accesso al bonus zanzariere, è bene chiarire come procedere alla detrazione delle spese sostenute per l‘acquisto e l’installazione. È necessario fare una richiesta per la detrazione da inoltrare attraverso l’Agenzia Nazionale Efficienza Energetica (ENEA) chiamata scheda descrittiva dell’intervento. Questa dovrà essere compilata e spedita entro novanta giorni dall’ultimazione dei lavori di installazione. Si tratta di una procedura standard prevista per tutte le detrazioni elencate dalla Legge di Stabilità 2018. Se non si è pratici di queste operazioni, per avere un buon esito e avere accesso alla detrazione fiscale, sarà necessario affidarsi ad un addetto ai lavori, il proprio commercialista che metterà a vostra disposizione una guida dettagliata su tutti i punti che dovranno essere correttamente compilati per avere accesso alla detrazione fiscale. La detrazione prevista per le zanzariere sarà ripartita in dieci rate annuali, tutte uguali per dieci anni.

Per ottenere la detrazione fiscale sulle zanzariere, sarà necessario conservare tutte le fatture che riguarderanno le spese affrontate, senza dimenticare le ricevute dei pagamenti. Questi dovranno essere stati liquidati attraverso bonifico postale o bancario, dove si andrà chiaramente ad indicare il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la sua partita iva e la causale del versamento.
Ricordiamo inoltre, che è possibile richiedere la detrazione fiscale per un importo che non superi i sessantamila euro. La spesa dovrà comprendere sia la fornitura che la posa in opera delle zanzariere oscuranti, nonché lo smontaggio e la dismissione di sistemi di protezione preesistenti.

I documenti che dovranno essere conservati, per tutta la durata della liquidazione degli sgravi fiscali, dovrà essere la certificazione del fornitore o del produttore o di chi avrà montato la zanzariera, che attesti il rispetto dei requisiti tecnici previsti per poter accedere alla detrazione. Vi dovrà essere l’asseverazione di un tecnico abilitato che dia il suo parere favorevole circa la rispondenza dei requisiti richiesti e la documentazione originale firmata, inviata all’ENEA, infine le schede tecniche dei componenti oppure la certificazione del fornitore del prodotto.
Dal punto di vista amministrativo, sarà necessario conservare le fatture relative alle spese sostenute per le zanzariere, la ricevuta del bonifico postale o bancario che abbia come causale il riferimento alla legge finanziaria, la data e il numero della fattura. Bisognerà quindi, avere i dati di chi richiede la detrazione nonché del beneficiario del pagamento. Infine andrà conservata la ricevuta dell’invio della documentazione all’ENEA, che sarà la vera garanzia riguardante la trasmissione della documentazione. Sarà fornito il codice CPID da conservare durante i dieci anni in cui verrà liquidata la detrazione fiscale.

Come abbiamo visto, anche le zanzariere possono essere considerati degli strumenti che contribuiscono al risparmio energetico. Per questa ragione è importante, quando si affrontano lavori di ristrutturazione, leggere bene la normativa, informarsi correttamente, su tutti i lavori che possano dare come beneficio uno sgravio fiscale. Si ricorda inoltre, che le detrazioni previste dalla Legge di Bilancio 2018, saranno attive fino a fine anno. Per questa ragione è bene iniziare a valutare se è necessario compiere lavori di ristrutturazione sul proprio immobile o appartamento, poichè le percentuali relative alla detrazione, anno per anno continuano a scendere.

 

539 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • LE CASE DI PAGLIA: IL FUTURO VIENE DAL PASSATO?

    by on 24 agosto 2018 - 0 Comments

    Le case di paglia sono costruzioni di bioedilizia dal basso impatto ambientale in grado di soddisfare esigenze abitative di vario tipo. Si tratta, dunque, di vere e proprie case ecologiche, che consentono un alto risparmio energetico e standard qualitativi elevati.

  • CASE IN ACCIAIO: CASE ANTISISMICHE SICURE

    by on 22 agosto 2018 - 0 Comments

    Prevenzione e adeguamento. Diventa  necessario realizzare strutture in grado di rispondere in modo adeguato agli eventi sismici. Le soluzioni e i materiali utilizzabili sono sicuramente vari, ma si sta facendo strada, trovando conferma, l’idea che l’acciaio strutturale rappresenti una delle alternative più sicure. La sua resistenza sismica è senza dubbio superiore a quella garantita da altri […]

  • CASE IN LEGNO E LA SCELTA DEL TERRENO

    by on 20 agosto 2018 - 0 Comments

    In alcuni casi ci pensa il costruttore scelto, ma sono in pochi a farlo. Nella maggior parte dei casi invece spetta all’acquirente individuare il terreno adatto alla propria futura casa in legno. Il vantaggio nella scelta del terreno è di poterlo cercare dove e come più ci piace, ma ci sono delle cose a cui bisogna […]

  • ASSEMBLE DI CONDOMINIO: OCCHIO ALLE REGISTRAZIONI

    by on 13 agosto 2018 - 0 Comments

    E’ il caso di sapere che è vietata la video-registrazione di un’assemblea condominiale senza il previo consenso informato di tutti i partecipanti “registrati”.

  • COME TRASFORMARE LE ACQUE REFLUE IN ENERGIA ELETTRICA

    by on 9 agosto 2018 - 0 Comments

    Dall’Italia arrivano dei progetti interessanti legati alla produzione di energia e all’economia circolare. Un team, che vanta come partner scientifico anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche e importanti finanziatori, ha ideato e realizzato un sistema che permette di trasformare un materiale di scarto come le acque reflue in energia elettrica.