Benvenuto, visitatore! [ Registrati | Login

PUBBLICA ANNUNCIO
Commenti disabilitati su BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

Casa news 22 giugno 2018

Installare delle zanzariere può essere conveniente, soprattutto se vi sono degli sgravi fiscali messi a disposizione dallo Stato Italiano. Grazie al bonus zanzariere 2018 è possibile usufruire di agevolazioni fiscali per chiunque decida di acquistare questi accorgimenti protettivi, a patto che queste abbiano dei requisiti particolari.

Le nuove regole per accedere al bonus zanzariere
Dopo aver chiarito la soglia relativa alle detrazioni (50%) vediamo quali sono le nuove regole per usufruire del bonus zanzariere e quali sono i requisiti minimi. La zanzariera dovrà avere necessariamente la marcatura Ce e il valore Got certificato.

Per valore Got intendiamo il paramento relativo al fattore solare. Per usufruire delle agevolazioni previste, il valore non dovrà essere superiore a 0,35. Il Got è un valore che si determina in relazione al materiale o in questo caso al tessuto utilizzato per realizzare la zanzariera. Grazie a questo elemento è possibile determinare quale sarà il potere filtrante e quindi, quanto potrà schermare la rete. È importante rispettare questo requisito minimo per poter godere anche di una protezione relativa alle radiazioni solari. Per questo, la detrazione del costo di installazione è dipendente dal requisito got.

Come funziona la detrazione delle spese sostenute per l’installazione di zanzariere
Premesso che vi siano le caratteristiche previste dalla legge per poter avere accesso al bonus zanzariere, è bene chiarire come procedere alla detrazione delle spese sostenute per l‘acquisto e l’installazione. È necessario fare una richiesta per la detrazione da inoltrare attraverso l’Agenzia Nazionale Efficienza Energetica (ENEA) chiamata scheda descrittiva dell’intervento. Questa dovrà essere compilata e spedita entro novanta giorni dall’ultimazione dei lavori di installazione. Si tratta di una procedura standard prevista per tutte le detrazioni elencate dalla Legge di Stabilità 2018. Se non si è pratici di queste operazioni, per avere un buon esito e avere accesso alla detrazione fiscale, sarà necessario affidarsi ad un addetto ai lavori, il proprio commercialista che metterà a vostra disposizione una guida dettagliata su tutti i punti che dovranno essere correttamente compilati per avere accesso alla detrazione fiscale. La detrazione prevista per le zanzariere sarà ripartita in dieci rate annuali, tutte uguali per dieci anni.

Per ottenere la detrazione fiscale sulle zanzariere, sarà necessario conservare tutte le fatture che riguarderanno le spese affrontate, senza dimenticare le ricevute dei pagamenti. Questi dovranno essere stati liquidati attraverso bonifico postale o bancario, dove si andrà chiaramente ad indicare il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la sua partita iva e la causale del versamento.
Ricordiamo inoltre, che è possibile richiedere la detrazione fiscale per un importo che non superi i sessantamila euro. La spesa dovrà comprendere sia la fornitura che la posa in opera delle zanzariere oscuranti, nonché lo smontaggio e la dismissione di sistemi di protezione preesistenti.

I documenti che dovranno essere conservati, per tutta la durata della liquidazione degli sgravi fiscali, dovrà essere la certificazione del fornitore o del produttore o di chi avrà montato la zanzariera, che attesti il rispetto dei requisiti tecnici previsti per poter accedere alla detrazione. Vi dovrà essere l’asseverazione di un tecnico abilitato che dia il suo parere favorevole circa la rispondenza dei requisiti richiesti e la documentazione originale firmata, inviata all’ENEA, infine le schede tecniche dei componenti oppure la certificazione del fornitore del prodotto.
Dal punto di vista amministrativo, sarà necessario conservare le fatture relative alle spese sostenute per le zanzariere, la ricevuta del bonifico postale o bancario che abbia come causale il riferimento alla legge finanziaria, la data e il numero della fattura. Bisognerà quindi, avere i dati di chi richiede la detrazione nonché del beneficiario del pagamento. Infine andrà conservata la ricevuta dell’invio della documentazione all’ENEA, che sarà la vera garanzia riguardante la trasmissione della documentazione. Sarà fornito il codice CPID da conservare durante i dieci anni in cui verrà liquidata la detrazione fiscale.

Come abbiamo visto, anche le zanzariere possono essere considerati degli strumenti che contribuiscono al risparmio energetico. Per questa ragione è importante, quando si affrontano lavori di ristrutturazione, leggere bene la normativa, informarsi correttamente, su tutti i lavori che possano dare come beneficio uno sgravio fiscale. Si ricorda inoltre, che le detrazioni previste dalla Legge di Bilancio 2018, saranno attive fino a fine anno. Per questa ragione è bene iniziare a valutare se è necessario compiere lavori di ristrutturazione sul proprio immobile o appartamento, poichè le percentuali relative alla detrazione, anno per anno continuano a scendere.

 

490 visite totali, 1 oggi

  

Sponsored Links

  • BONUS ZANZARIERE 2018: COME OTTENERE LE DETRAZIONI

    by on 22 giugno 2018 - 0 Comments

    Installare delle zanzariere può essere conveniente, soprattutto se vi sono degli sgravi fiscali messi a disposizione dallo Stato Italiano. Grazie al bonus zanzariere 2018 è possibile usufruire di agevolazioni fiscali per chiunque decida di acquistare questi accorgimenti protettivi, a patto che queste abbiano dei requisiti particolari.

  • SISMABONUS, ANCHE PER LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

    by on 24 maggio 2018 - 0 Comments

    Si può usufruire del sismabonus anche per la demolizione e ricostruzione di un edificio con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

  • LA CASA DI PROPRIETA’: SOGNO O INCUBO?

    by on 22 maggio 2018 - 0 Comments

    Gli italiani hanno un sogno, quello di avere una casa di proprietà, tanto è vero che poco meno dell’80% di essi possiede una casa, una delle percentuali più alte di tutta Europa. Ma talvolta questo sogno, realizzato, si trasforma in incubo, sia per le “attenzioni” che su di essa ripone lo Stato, sia per le […]

  • POTATURA ALBERI IN CONDOMINIO, CHI PAGA?

    by on 31 maggio 2018 - 0 Comments

    In tema di spese condominiali nell’ambito di un contratto di locazione, è il conduttore (o affittuario – inquilino se preferite…) a dover pagare le spese per: • il servizio di pulizia; • il funzionamento e l’ordinaria manutenzione dell’ascensore • la fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell’aria; • lo spurgo dei pozzi […]

  • CANI CHE ABBAIANO IN CONDOMINIO. RESPONSABILE IL PROPRIETARIO

    by on 8 giugno 2018 - 0 Comments

    Integra il reato di disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone ex art. 659 c.p. quella condotta che abbia l’attitudine a ledere il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice; non occorre la prova dell’effettivo disturbo di più persone, né l’esperimento di specifiche indagini tecniche.